fbpx

Non basta Gjonaj, la Molfetta Calcio impatta contro Gravina

2 Mag 2022 | News

Un altro mattoncino verso la matematica certezza della conferma della categoria per la Molfetta Calcio. Al Paolo Poli, per la prima volta al tramonto, i biancorossi quasi riescono nel colpaccio di bloccare il Gravina e scrivere la parola fine sul discorso salvezza matematica.

La Murgia calcistica porta bene agli uomini di Bartoli che, dopo il successo di sette giorni fa contro Altamura, conquistano un prezioso pareggio contro il lanciato Gravina, stabilmente in zona playoff.

Bartoli rinuncia a Genchi e Pozzebon per squalifica e schiera Viola in porta difeso da De Gol, Panebianco, Lobjanidze; esterni Giambuzzi e Fedel, in mediana Monaco, Guadalupi e Traorè. Davanti Kordic fa coppia con l’ex Gjonaj.

Partono bene i biancorossi in una prima frazione di gioco più di marca casalinga. Nel giro di due minuti, tra il quarto e il sesto, Giambuzzi prova il tiro che si spegne a lato, Gjonaj dalla distanza chiama l’intervento di Mascolo. Tommasone, il più positivo tra i suoi, impegna Viola al quarto d’ora e al 18′. Dagli sviluppi di un corner è pericoloso Panebianco, altro ex di giornata. Al 34′ vantaggio biancorosso con l’ex Gjonaj che realizza su perfetta assistenza del compagno di reparto Kordic. Il gol scuote Gravina con Krstevski pericoloso al 42. Si va così negli spogliatoi.

Diop rimpiazza Krstevski nel Gravina. I murgiani non ci stanno e provano subito ad accelerare: Tommasone fa tutto bene di testa, Viola è superlativo al decimo. Ancora l’esterno murgiano, con un beffardo tirocross su cui Viola risponde presente. Alla mezzora, Tuninetti si fa soffiare palla a centrocampo, Gjonaj si lancia a campo aperto, spiazza Mascolo ma il palo nega la gioia del raddoppio alla Molfetta Calcio. Al 39′ l’episodio che chiude il match: Diop in mischia viene messo giù, l’arbitro concede il penalty tra le proteste biancorosse che avrebbero voluto un fallo precedente dell’ariete gialloblu. Dal dischetto, Diop è glaciale: termina così 1-1.

Nel weekend del primo maggio si sono disputate solo quattro match: Matino sbanca Francavilla in Sinni e alimenta sogni salvezza, la Team Altamura batte la Nocerina e si pone in una situazione di classifica più serena, reti bianche nel derby campano tra Sorrento e Casertana. Tutti gli altri match saranno disputati mercoledì 4 maggio.

In classifica, Nocerina e Gravina sono appaiate per l’ultimo posto playoff con 52 punti e devono guardarsi le spalle da Casertana, a quota 51 punti, e Sorrento, ferma a 49. La Molfetta Calcio, nona in classifica con 47 punti, è più vicina alla zona playoff (5 punti di distacco) che ai playout, con la Mariglianese e Casarano, a quota 40 punti, a fare da spartiacque. Domenica prossima, nel sentito derby contro Bisceglie, potrebbe arrivare la matematica certezza del mantenimento della categoria quando mancano tre giornate alla fine del campionato.